S.C.MEDICINA D'ACCETTAZIONE E D'URGENZA OSPEDALI RIUNITI FOGGIA Direttore Dr. Vito Procacci
Notizie ed eventiBenvenutoFotoProtocolli della S.C.Materiale didattico e scientificoLink preferitiSegreteria e Gestione dei servizi informaticiLibro degli ospiti
 
Informazioni

LA STRUTTURA COMPLESSA DI MEDICINA D'ACCETTAZIONE E D'URGENZA SI PONE COME STRUTTURA DI PRIMA ACCOGLIENZA E TRATTAMENTO DEI CITTADINI CHE RICORRONO ALLE CURE DELL'AZIENDA OSPEDALIERO-UNIVERSITARIA "OSPEDALI RIUNITI FOGGIA", VERSANDO IN CONDIZIONI CLINICHE CHE RIVESTONO CARETTERE D'EMERGENZA URGENZA.

 

STRUTTURA-PERSONALE-ATTIVITA
1.       LA STRUTTURA
LA STRUTTURA COMPLESSA DI MEDICINA E CHIRURGIA  D’ACCETTAZIONE D’URGENZA SVOLGE LA SUA ATTIVITA’ NEL PADIGLIONE COMUNEMENTE CONOSCIUTO COME PRONTO SOCCORSO.
2.       IL PERSONALE
IL PERSONALE CHE SVOLGE ATTIVITA’ ASSISTENZIALE E’ RAPPRESENTATO DA :
  • DIRETTORE : DOTT.VITO PROCACCI
  • DIRIGENTI MEDICI OSPEDALIERI
  • MEDICI SPECIALISTI IN FORMAZIONE DELLE SCUOLE ATTINENTI ALLA DISCIPLINA DI MEDICINA   EMERGENZA-URGENZA
  • COORD. INF. : TRISTANO ROBERTO
  • INFERMIERI:
  • OSS
  • AUSILIARI :
  • CITTADINI APPARTENENTI ALLE ASSOCIAZIONI DI VOLONTARIATO (AVO)
  • INFERMIERE VOLONTARIE  E VOLONTARI DEL SOCCORSO APPARTENENTI AL CORPO DELLA CROCE ROSSA ITALIANA
 
3.       ATTIVITA’
L’ATIVITA’ ASSISTENZIALE SVOLTA DALLA S.C. SI ARTICOLA IN TRE FASI FONDAMENTALI:
  •   ACCETTAZIONE DELL’UTENTE ALL’INGRESSO
  •   ASSISTENZA IN PRONTO SOCCORSO-OSSERVAZIONE BREVE-MEDICINA D'URGENZA SUBINTENSIVA 
  •  ESITO DELL’INTERVENTO DI PRONTO SOCCORSO CON RICOVERO O DIMISSIONE DEGLI UTENTI NON NECESSANTI DI DEGENZA OSPEDALIERA.
LA FASE DI ACCETTAZIONE SI BASA SUL NAA: SI TRATTA DI UNA TASK FORCE MEDICO - INFERMIERISTICA CON ALTO GRADO DI INTEGRAZIONE INTERPROFESSIONALE. IL MEDICO, DENOMINATO TEAM LEADER, E' RESPONSABILE DELL'ORGANIZZAZIONE DI TUTTO IL PRONTO SOCCORSO. L'AREA OEPRATIVA DEL NUCLEO ASSISTENZIALE AVANZATO (NAA) CONSTA DI UNA ZONA DI PRIMISSIMA ACCOGLIENZA (CORRISPONDENTE AL PRETRIAGE), UNA TENDA DI PROCESSING DEL PAZIENTE, NELLA QUALE VIENE ESEGUITO L'INQUADRAMENTO ANCHE STRUMENTALE (CORRISPONDENTE AL PRECEDENTE TRIAGE), UN'AREA DI EARLY BEDDING CON POLTRONE DI TRATTAMENTO E PRESIDI DIAGNOSTICO TERAPEUTICI E DI MONITORAGGIO, UNA O PIU' SALE PRIVACY, DOVE IL PERSONALE PUO' SOTTOPORRE I PAZIENTI A MANOVRE NECESSINTANTI DI MAGGIORE PRIVACY, CONSULENZE, VISITE ECC.). ESISTE UNA ZONA DI NAA DI BACK UP, DA UTILIZZARE SOLO IN CASO DI IPERAFFLUSSO CON UNA SECONDA EQUIPE MEDICO - INFERMIERISTICA. ALLE SPALLE DEL NAA ESISTONO UN'AREA AMBULATORIALE PER IL TRATTAMENTO DEI CODICI BIANCHI E VERDI, UN REPARTO DI OSSERVAZIONE BREVE (INTENSITA' MEDIA), UN REPARTO DI MEDICINA D'URGENZA - SUBINTENSIVA (INTENSITA' MEDIO - ALTA), DOTATO DI UNA SHOCK ROOM PER L'ACCOGLIENZA DEI CODICI ROSSI.
I CODICI ROSSI ACCEDONO DIRETTAMENTE IN SHOCK ROOM, I CODICI BIANCHI E I CODICI VERDI NON ABBISOGNEVOLI DI STABILIZZAZIONE ACCEDONO NELL'AREA RISERVATA AI CODICI MINORI, I CODICI GIALLI E I CODICI VERDI ABBISOGNEVOLI DI STABILIZZAZIONE TERAPEUTICA (SPECIE TERAPIA DEL DOLORE ED IMPOSTAZIONE DIAGNOSTICA) VENGONO TRATTENUTI NELLA SALA DEL NUCLEO ASSISTENZIALE AVANZATO E QUI AVVIATI AL PRIMO APPROCCIO DIAGNOSTICO - TERPEUTICO. IL NUCLEO ASSISTENZIALE AVANZATO CURA ANCHE DIRETTAMENTE I CODICI BIANCHI CON PERCORSO "FAST TRACK" (PZ. GINECOLOGICI, OCULISTICI ECC.) SE IL PROBLEMA VIENE RISOLTO PRIMA DELL'INGRESSO NEI LOCALI DI VISITA, IL PAZIENTE VIENE DIRETTAMENTE DIMESSO DAL MEDICO TEAM LEADER, SE IL PROBLEMA SI DIMOSTRA ABBISOGNEVOLE DI ULTERIORE TRATTAMENTO, O DI OSSERVAZIONE, IL PAZIENTE VIENE TRASFERITO, APPENA SI CREA LA POSSIBILITA', NEI LOCALI DELL'OSSERVAZIONE BREVE, O DELLA MEDICINA D'URGENZA.
LA SEZIONE DI MEDICINA D'URGENZA E' COSTITUITA DA 8 POSTI LETTO TECNICI MONITORATI IN TELEMETRIA E DOTATI DI TUTTI I PRESIDI PER LA VENTILAZIONE MECCANICA INVASIVA E NON E PER IL TRATTAMENTO SUBINTENSIVO DEL PZ CRITICO. 
ALL'INTERNO DI DETTA SEZIONE ESISTONO UNA SHOCK ROOM CON DUE BOX DEDICATI AL PRIMO TRATTAMENTO DEI CODICI ROSSI ED UNA SOLA DEDICATA ALL'ESECUZIONE DI PROCEDURE INVASIVE. LA SEZIONE DI OB ED ADMISSION UNIT E' COSTITUITA DA 13 POSTI LETTO, DI CUI DUE DEDICATI ALL'ISOLAMENTO INFETTIVOLOGICO, UTILIZZATI PER IL TRATTAMENTO DI PAZIENTI CON CRITICITA' INTERMEDIA E FINALIZZATI AD OTTIMIZZARE L'APPROPRIATEZZA DI RICOVERI OSPEDALIERI E DI GESTIRE IN SICUREZZA I PAZIENTI ABBISOGNEVOLI DI RICOVERO QUANDO NON SUSSISTA LA DISPONIBILITA' DI POSTI LETTO LIBERI IN OSPEDALE. 
LA SEZIONE DEDICATA AL TRATTAMENTO DEI CODICI B/V (CRITICITA' MEDIO BASSA) CONSTA DI UN AMBULATORIO, UNA SCALA DI TRATTAMENTO E DUE LETTI TECNICI DI OSSERVAZIONE TEMPORANEA. ALL'INTERNO DELLA S.C. VENGONO COMUNEMENTE UTILIZZATE LA CRITICAL ULTRASOUND (ETG POLIDISTRETTUALE FINALIZZATA ALLO STUDIO CARDIORESPIRATORIO DEL PZ CRITICO), IL MONITORAGGIO NON INVASIVO, DELLE FUNZIONI VITALI L'EMOGASSOMETRIA DIFFERENZIALE ARTEROVENOSA, LA CAPNOGRAFIA E CAPNOMETRIA (TECNICA NON INVASIVA FINALIZZATA AL MONITORAGGIO DEI RAPPORTI TRA VENTILAZIONE E PERFUSIONE POLMONARE E PERIFERICA).
LA S.C. DI MEDICINA E CHIRURGIA D'ACCETTAZIONE E URGENZA, INSERITA ALL'INTERNO DEL DIPARTIMENTO AD AZIONE INTEGRATA DI EMERGENZA URGENZA PARTECIPA ALL'ATTIVITA' DIDATTICA E RICERCA OSPEDALIERO - UNIVERSITARIA, CURANDO SIA GLI ECM PER GLI OPERATORI INTRA ED EXTRAOSPEDALIERI (FUNZIONE PROPRIA DEL DIPARTIMENTO DI II LIVELLO), SIA IL TIROCINIO PRELAUREA E POSTLAUREA, E L'ALTA FORMAZIONE DELL'UNIVERSITA' DI FOGGIA IN TEMA DI MEDICINA DI EMERGENZA - URGENZA (TRONCOCOMUNE DI SCUOLE DI SPECIALIZZAZIONE E MASTER DI II LIVELLO IN EMERGENZA - URGENZA).
PRESSO LA S.C. E IL DIPARTIMENTO E' IN CORSO L'ALLESTIMENTO DI UN CENTRO DI DIDATTICA PER SIMULAZIONE
 
 
 
STANDARD DI QUALITA’, IMPEGNI E PROGRAMMA
 
IL CONTINUO MIGLIORAMENTO DELLA QUALITA’ DEI SERVIZI RAPPRESENTA L’IMPEGNO PRIMARIO DELLA STRUTTURA COMPLESSA. LA STRUTTURA SI IMPEGNA A RAGGIUNGERE I SEGUENTI STANDARD DI QUALITA’:
·        IMPLEMENTAZIONE DELLE TECNICHE ULTRASONOGRAFICHE PER LA DIAGNOSI DELLE CONDIZIONI DI PERIARRESTO CARDIO-RESPIRATORIO
·        IMPLEMENTAZIONE DEL TRATTAMENTO DELL’INSUFFICENZA RESPIRATORIA ACUTA
·        IPECAPNIA TRAMITE VENTILAZIONE MECCANICA NON INVASIVA (BiPAP)
·        PROCESSO FORMATIVO BIENNALE PER L’ADEGUAMENTO DEL PERSONALE MEDICO-INFERMIERISTICO AGLI STANDARD PREVISTI DALL’ EUSEM ( EUROPEAN CORE CURRICULUM OF EMERGENCY MEDICINE).
 
TRATTO DA:
“ CARTA DEI SERVIZI ,
REGIONE PUGLIA,
OSPEDALI RIUNITI AZIENDA OSPEDALIERO –UNIVERSITARIA FOGGIA,
EDIZIONE 2009”
 
MOLTI DI QUESTI STANDARD NEGLI ULTIMI DUE ANNI SONO STATI IN PARTE RAGGIUNTI, COSI’ PURE COME LA STRUTTURA STESSA HA SUBITO E SUBIRA’ CAMBIAMENTI RADICALI FINALIZZATI SEMPRE AD UN MIGLIRAMENTO PER RISPONDERE ALLE RICHIESTE DEGLI UTENTI CON UN SERVIZIO SEMPRE PIU’ ALL’AVANGUARDIA, CELERE E MODERNO. NEI NOSTRI OBBITTIVI FUTURI CI SI PONE QUELLI DI ERDICARE LA FATISCENTE IDEA DI PRONTO SOCCORSO COME STRUTTURA STATICA E VETUSTA, MA RENDERE IL PRONTO SOCCORSO SEMPRE PIU’ DINAMICO, ATTUALE E SODDISFACENTE NEI CONFRONTI DELLE RICHIESTE DEGLI UTENTI  E NEI CONFRONTI DI CHI OGNI GIORNO LAVORA NELLA NOSTRA STRUTTRA COMPLESSA PER RISPONDERE A TALI BISOGNI.